Escursioni

Alla Biglietteria FART potrete conoscere le nostre proposte d'escursione alla scoperta delle Centovalli e della Valle Vigezzo, della Vallemaggia e del Lago Maggiore. Lasciatevi affascinare dalla bellezza paesaggistica della nostra regione.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci!

Altre proposte d'escursione nelle Centovalli: www.procentovalli.ch, www.ascona-locarno.com, www.parconazionale.ch

Per le escursioni lungo i sentieri della regione si raccomanda un equipaggiamento adatto all'escursionismo in montagna e si invitano tutti gli utenti a prestare la massima attenzione, come pure a rispettare l'eventuale segnaletica specifica.

Prezzi e orari soggetti a cambiamenti. Verificare prima della partenza.


Lago Maggiore Express

Lago Maggiore Express è il circuito completo del Lago Maggiore, che vi offre un'esperienza interessante da vivere in treno e in battello (lo stesso circuito può essere effettuato anche suddiviso in due giorni).

Comprende le seguenti tratte:
1. Locarno-Domodossola e viceversa con la Ferrovia delle Centovalli/Vigezzina
2. Domodossola-Stresa o viceversa con Trenitalia
3. Stresa-Locarno o viceversa con la Navigazione Lago Maggiore

L'itinerario può essere effettuato iniziando da differenti punti di partenza: Locarno, Ascona, Brissago, Magadino, oppure dall'Italia (Arona, Stresa, Cannero, Valle Vigezzo e Domodossola).

Lasciatevi coinvolgere dal fascino mediterraneo del Lago Maggiore e delle valli!

Ulteriori informazioni:
www.lagomaggioreexpress.com


Centovalli

È una delle suggestive valli del Locarnese, situata dopo le Terre di Pedemonte (che comprendono Tegna, Verscio e Cavigliano). Il primo paese è quello di Intragna, mentre l'ultimo è Camedo (frazione di Borgnone), situato al confine italo-svizzero. In territorio italiano comincia la Valle Vigezzo.

Il centro della valle è Intragna, che con il suo campanile settecentesco (il più alto del Ticino) domina la regione. È anche la sede del Museo regionale delle Centovalli e Pedemonte, nella seicentesca Casa Maggetti: oltre a essere la memoria storica della regione, il Museo propone diverse manifestazioni, esposizioni tematiche e di artisti locali, e si occupa del ripristino e della valorizzazione di quei manufatti di interesse storico sparsi su tutto il territorio. Anticamente, la necessità di emigrare sparpagliò la gente della valle in giro per il mondo, dove diventavano umile manodopera, praticando professioni quali spazzacamini, "marronat", arrotini e soprattutto facchini al porto di Livorno. Ancora oggi si possono intravedere segnali che testimoniano questa secolare avventura: gli stemmi araldici dei Medici sul ferro di un balcone a Palagnedra e gli affreschi di un giovane Antonio da Tradate ne sono un esempio.

Dal punto di vista paesaggistico, la valle è circondata da due catene montuose, che si distinguono con le vette più alte, a sud il Gridone o Ghiridone (2188 m) e a nord il Pizzo Ruscada (2004 m).

Una vasta rete di sentieri fa sì che le Centovalli siano un paradiso per gli escursionisti. Una chicca: Rasa, raggiungibile solo a piedi o con la funivia in partenza da Verdasio. È uno degli ultimi villaggi dove non circolano automobili. Un'oasi di natura e relax.

Tutti gli insediamenti, tranne Golino e Intragna (che si trovano sul fondo valle), sono posti ai fianchi della vallata, tra i 600 e i 900 m d'altitudine, in modo da poter beneficiare di qualche ora di sole anche durante i mesi invernali.

Ulteriori informazioni:
www.ascona-locarno.com, www.procentovalli.chwww.parconazionale.ch


Comino - Costa - Intragna

Nel cuore delle Centovalli

Escursione combinata
Treno, funivia e passeggiata

Vi aspetta una natura incontaminata, fitti boschi ed un paesaggio idillico. Per chi ama camminare il sentiero a tratti è impegnativo. Si raccomanda scarpe ed equipaggiamento per la montagna.

Durante le belle giornate di primavera, estate e autunno, proponiamo un'incantevole escursione verso il Monte di Comino, da dove si può godere un bellissimo panorama sulla Valle e sulla regione del Progetto Parco Nazionale del Locarnese. Partendo con il treno delle Centovalli da Locarno fino a Verdasio, si continua con la teleferica che conduce al Monte di Comino. Da qui l'escursione inizia su un sentiero ben segnalato attraverso due alpi, l'Alpe Dröi e l'Alpe Selna, oppure su una mulattiera in buono stato, lungo il pendio soleggiato della Valle fino a Costa. In seguito si discende a piedi oppure con la teleferica fino alla stazione ferroviaria delle Centovalli di Intragna. Sul Monte di Comino e nel Grottino a Costa ci sono possibilità per pranzare o per gustare un buon caffé. 

Marzo - Ottobre 2017 (Escursione impegnativa)

Prezzi validi fino al 31.10.2017

Il tour combinato non è fattibile il primo mercoledì del mese per revisione e controllo delle funivie.


Camedo - Intragna

La via del Mercato

Escursione combinata
Treno e passeggiata

Le Centovalli a piedi lungo la vecchia via del mercato: vi aspetta una natura incontaminata, fitti boschi ed un paesaggio idilliaco.

Si sale con la ferrovia delle Centovalli, passando sopra gole e ponti fino alla frontiera italiana a Camedo: un viaggio piacevole e incantevole. L'escursione da Camedo fino a Intragna vi farà scoprire la natura fantastica, selvaggia e romantica della Valle delle Centovalli. Si cammina da Camedo a Borgnone fino a Lionza, l'antica "Via del mercato", per proseguire su una mulattiera impegnativa, ma ben segnalata. Attraverso il villaggio di montagna di Verdasio, sul versante soleggiato delle Centovalli, si giunge ad Intragna. Da qui, il treno delle Centovalli vi riporterà a Locarno.

Per chi ama camminare in montagna: il sentiero a tratti è impegnativo. Si raccomandano scarpe ed equipaggiamento adatto per la montagna.

Gennaio - Dicembre 2017

Prezzi validi fino al 9.12.2017


Valle Vigezzo

Escursione
La valle dei pittori

In Valle Vigezzo trovate quello che cercate: gastronomia, arte e cultura. La valle dei pittori vi offre innumerevoli angoli tutti da scoprire, come il museo dello spazzacamino, le pinacoteche e gli affreschi. Senza dimenticare lo "shopping" ai mercati e un tipico pranzo della buona cucina italiana.

Dopo un viaggio di mezz'ora attraverso le pittoresche Centovalli, inizia, superata la dogana di Camedo, la Valle Vigezzo. Una natura incontaminata, fitti boschi ed un paesaggio idilliaco sono le caratteristiche di questa stupenda Valle piemontese, dov'era nato Gian Paolo Feminis, l'inventore dell'acqua di colonia.

Trascorrete una bella giornata in Valle Vigezzo, partendo la mattina con la ferrovia delle Centovalli da Locarno fino a Re. Visita alla Basilica imponente della Madonna del Sangue. Si prosegue con il trenino fino a Santa Maria Maggiore dove si può scegliere tra una tranquilla passeggiata nella pineta, una visita al Museo degli Spazzacamini e all'Accademia delle Belle Arti, oppure una capatina con il bus locale fino a Craveggia, con i bellissimi tetti di granito e i suoi camini originali.

Non perdete l'occasione di gustare un tipico pasto di cucina regionale tradizionale nella pittoresca Valle dei Pittori.

Mercato

Re al sabato
Malesco al martedì
Santa Maria Maggiore al lunedì
Craveggia al venerdì
Druogno al giovedì
Domodossola al sabato

Gennaio - Dicembre 2017

Prezzi validi fino al 9.12.2017

Osservazioni
Il biglietto turistico dà diritto ad una fermata intermedia sia all'andata sia al ritorno, per dare la possibilità di visitare le località della Valle Vigezzo.

Biglietto turistico per un viaggio di andata e ritorno valido 2 giorni dalla data di emissione.

Treni panoramici
I treni panoramici, secondo orario, sono soggetti a supplemento acquistabile presso le stazioni SSIF o direttamente dal personale del treno (Fr. 1.50 / € 1.50 a persona e a tratta).

Ulteriori informazioni:
www.vigezzinacentovalli.comwww.vallevigezzo.eu,
www.santamariamaggiore.info


Val Bavona

La Valle Bavona si apre a nord-ovest di Bignasco e Cavergno, come profondo solco nella catena alpina, con un profilo a U che ne indica l'origine glaciale. Valle stretta, con i versanti delle parete rocciose che si drizzano in verticale per centinaia di metri. Smottamenti e frane hanno seminato materiale e macigni grandi quanto case per tutta la valle, determinandone il corso del fiume e conferendo alla valle il suo tipico aspetto selvaggio.

La Val Bavona non è abitata tutto l'anno (salvo poche eccezioni); ovviamente è durante i mesi estivi che si raggiunge il numero maggiore di abitanti. Anche se è una regione dove si produce moltissima energia elettrica (tre centrali e tre dighe), ad eccezione del paese di San Carlo, non c'è l'energia elettrica, per cui si deve far capo a pannelli solari, gas, piccole turbine ad acqua, candele e così via.

San Carlo è il punto di partenza della funivia, che dopo aver superato quasi 1'000 metri di dislivello, raggiunge Robiei (1900 m), ai piedi del massiccio del Basodino, in cui spicca il noto ghiacciaio. Da Robiei partono numerose e interessanti escursioni: il sentiero che raggiunge il passo del Cristallina (2'568 m), quello che porta al ghiacciaio del Basodino, e quelli che conducono ai laghetti Nero, Bianco, Matörgn, Sfundau, senza dimenticare le strade che portano alle dighe di Robiei, Zött e Cavagnoli. Un ulteriore itinerario suggestivo, ma molto impegnativo, è quello che attraverso la Bocchetta di Vallemaggia (2'635 m) conduce verso l'alta val Formazza.

Da non mancare è la cascata di Foroglio, con un salto d'acqua che supera gli 80 metri. Salendo da Foroglio è possibile raggiungere la Val Calnegia (laghetti della Crosa e collegamento con Bosco Gurin) e la "Splüia Bela", un'enorme lastra di sasso sotto alla quale è stato ricavato un rifugio per le persone e gli animali. Molto nota è anche la regione del Piano delle Creste, dove si trovano i due laghetti di Antabia. San Carlo - Piano delle Creste - Laghetti della Crosa - Foroglio (o viceversa) è un itinerario molto frequentato, ma consigliato ad escursionisti ben allenati.

Ulteriori informazioni:
www.vallemaggia.ch, www.valle-bavona.ch, www.robiei.ch


S.Carlo - Robiei

Escursione
Passeggiata ai piedi del ghiacciaio del Basodino (Val Bavona)

Con la Funivia S. Carlo-Robiei in 15 minuti arrivate a 1900 m, ai piedi del ghiacciaio del Basodino (3273 m).

Escursioni ai laghetti alpini: Lago Bianco (1h00 min), Lago Sfondau (2h00 min), o alla Capanna del Basodino.

Informazioni per le escursioni:
www.robiei.ch

17.06. - 8.10.2017

**17.06. - 8.10.2017
Ridotto = Abo 1/2 prezzo, Ragazzi (6-16)


Sonlerto - Foroglio

Escursione
Facile passeggiata da Sonlerto alla cascata di Foroglio (Val Bavona) / 1h

La Val Bavona è una tipica Valle glaciale, con un profondo solco nella catena alpina.

L'aspetto più interessante sono i macigni di grande mole in tutta la valle. Tra questi blocchi sono state integrate e talvolta ricavate abitzioni (rustici) e stalle. I nuclei ancora intatti e raggruppati lungo la Valle testimoniano la vita originaria del passato e d'oggi.

Anche Sonlerto fu sistemato in questo mondo tra i massi, a cavallo di una frana. La passeggiata facile, da Sonlerto alla famosa cascata di Foroglio, dura 1 ora. Nel grottino genuino potete assaporare le tipiche specialità ticinesi. Per raggiungere Bignasco bisogna camminare altre 2 ore, oppure si può già prendere il bus a Foroglio per il ritorno a Locarno.

01.04. - 31.10.2017 (Escursione facile)

Ridotto = Abo 1/2 prezzo, Ragazzi (6-16)


Val Lavizzara

È una delle valli superiori della Vallemaggia. Un territorio esteso che supera perfino un'altitudine di 3'000 m d'altezza. Il suo nome deriva dagli affioramenti di pietra ollare, che veniva tornita per fabbricare recipienti da mettere sul fuoco, denominati laveggi.

Il comune di Lavizzara è quello più esteso del Cantone Ticino (187 mq), anche se figura tra i meno popolati con meno di 600 abitanti. La sua offerta si presenta in molteplici forme: un fondovalle accogliente, corsi d'acqua cristallini e cascate, versanti verdi e rocciosi, vallate invitanti e selvagge, vette agevoli da raggiungere e montagne ardite che offrono stupendi panorami.

La Valle Lavizzara si raggiunge facilmente anche con i mezzi pubblici e le possibilità d'escursione sono notevoli:
Mogno, dove sorge la chiesa progettata da Mario Botta e dedicata a S.Giovanni Battista;
Peccia, dove si lavora il marmo; sede di un'importante scuola di scultura;
Cesio, sede del museo di Vallemaggia;
Sornico, capoluogo della valle, conserva alcuni importanti edifici (palazzo di San Martino);
Val di Prato, abitata solo d'estate e ideale da percorrere a piedi;
Brontallo, con nucleo abitato su un terrazzo a metà versante; un esempio interessante di "pianificazione spontanea";
Fusio (1'281 m), da dove si sale fino alla diga del Sambuco (1'461 m), e in seguito - sempre su strada asfaltata - fino alla diga del Naret (2'310 m), ritrovandosi in un tipico paesaggio d'alta montagna. La diga è il punto di partenza per conosciuti e frequentati sentieri verso il passo del Cristallina, Robiei, la Val di Peccia e la Val Bedretto.

Ulteriori informazioni:
www.ascona-locarno.com, www.lavizzara.ch


Mogno

Escursione
Tra cultura e paesaggio nella Val Lavizzara

Il paese più conosciuto nella Val Lavizzara è sicuramente Mogno. Qui infatti l'Architetto Mario Botta, conosciuto in tutto il mondo, ha progettato la chiesa dedicata a S. Giovanni Battista.

Incantevole l'escursione fino a Fusio (1'281 m.), situato in posizione pittoresca, e attorniato da boschi di larici. Un paradiso per botanici e punto di partenza ideale per molteplici escursioni alpine.

Nei grotti e ristoranti di Fusio si servono le tipiche specialità ticinesi del posto.

01.01 - 9.12.2017


Cardada - Cimetta

Panorama indimenticabile! Una vista a 360°: dal Delta della Maggia, con Locarno e Ascona, al Monte Rosa.

La modernissima funivia a forma di goccia vi porta da Orselina a Cardada. Qui è stata costruita una passerella che si inoltra nel bosco e dà l'impressione di esse- re sospesi nell'aria. Con la seggiovia si continua da Cardada verso Cimetta, dove si trova l'osservatorio geologico con una vista mozzafiato sul Lago Maggiore e le montagne circostanti. Cardada/Cimetta, la splendida montagna a pochi minuti da Locarno offre pace, natura e passeggiate attraenti e piacevoli. I Ristoranti e le Capanne sono lieti di accogliervi con la tipica cucina ticinese.

Sport
Percorso ludico, villaggio indiano, mountain bike, corsa d'orientamento per adulti e ragazzi, Helsana Nordic Walking Trail, parapendio.

Posteggi al Lido di Locarno
Il bus della linea 2 porta direttamente alla partenza della funivia a Orselina. Passeggiate in combinazione anche con la linea 312.

Informazioni per le escursioni:
www.cardada.ch